I link che seguono forniscono la collocazione della pagina attuale nella gerarchia di navigazione.

  • Efesini 4/1-3,10

    di ELiana Briante

    «Vi esorto a comportarvi in modo degno della vocazione che vi è stata rivolta, con ogni umiltà e mansuetudine, con pazienza, sopportandovi gli uni gli altri con amore, sforzandovi di conservare l'unità dello Spirito con il vincolo della pace...»
    Anche il secondo testo proposto dal nostro “lezionario” Un giorno Una parola per il mese di ottobre ci propone di riflettere sugli effetti concreti della nostra fede nel Dio biblico e sulla sfida di vivere cambiando prospettiva. E penso che sia proprio un buon momento dell’anno per farlo.

    continua »

  • Ebrei 13,15-16

    di Eliana Briante

    «Per mezzo di Gesù, dunque, offriamo continuamente a Dio un sacrificio di lode: cioè, il frutto di labbra che confessano il suo nome. Non dimenticate poi di esercitare la beneficenza e di mettere in comune ciò che avete; perché è di tali sacrifici che Dio si compiace»
    Che sfida questo testo. In così poche parole si parla ben due volte di sacrifici! Come se non bastasse sentirne parlare continuamente la radio e la televisione. Come se non condividessimo già abbastanza spesso esperienze di sacrifici via facebook o twitter...

    continua »

  • Romani 8,26

    di Giuseppe Ficara

    «Lo Spirito viene in aiuto alla nostra debolezza, perché non sappiamo pregare come si conviene; ma lo Spirito intercede per noi con sospiri ineffabili.»
    L’apostolo Paolo, nella lettera ai Romani, parla della grazia di Dio come un dono dello Spirito. Afferma che la grazia di Dio è per noi come il respiro, dunque è per noi vita; lo Spirito, infatti, è chiamato dall’apostolo “Spirito della vita” (Rom. 8,2).  Questo Spirito agisce in ogni persona affinché possa accogliere la grazia di Dio.

    continua »

  • Michea 6,8

    di Giuseppe Ficara

    «Dio ti ha fatto conoscere ciò che è bene; che altro richiede da te il Signore, se non che tu pratichi la giustizia, che ami la misericordia e cammini umilmente con il tuo Dio?»
    Il profeta Michea annuncia il suo messaggio in una epoca difficile di Israele. Oltre a una minaccia assira, il popolo deve fare i conti con il malgoverno di quei potenti che approfittano della facciata religiosa per agire per il proprio tornaconto, piuttosto che per il bene di tutti.

    continua »

  • Genesi 1,26

    di Giuseppe Ficara

    «Dio disse: Facciamo l'uomo a nostra immagine, conforme alla nostra somiglianza, e abbia dominio sui pesci del mare, sugli uccelli del cielo, sul bestiame, su tutta la terra».
    Chi è l’immagine di Dio sulla terra all’epoca in cui è scritto il questo brano? Era il Faraone, il quale rappresentava il dio del popolo; era un re che esercitava la sua cura su un popolo e su un territorio. L’autore biblico ha l’ardire di sostenere che non il Faraone, ma tutti  gli esseri umani sono l’immagine di Dio sulla terra perché a loro è affidata la libertà e la responsabilità su tutte le altre creature.

    continua »

Consulta le pagine