I link che seguono forniscono la collocazione della pagina attuale nella gerarchia di navigazione.

barcone con immigrati

Il dramma delle migliaia di profughi morti nel tentativo di raggiungere le coste italiane ha spinto la Federazione delle Chiese evangeliche in Italia (FCEI) a varare un progetto denominato Mediterranean Hope.
"Interamente finanziata con fondi provenienti dall'otto per mille delle Chiese valdesi e metodiste, l'iniziativa – afferma il pastore Massimo Aquilante, presidente della FCEI - consiste in un osservatorio a Lampedusa che produrrà notizie e materiali utili a sensibilizzare l'attenzione pubblica italiana e internazionale, e in un Centro d'accoglienza a Scicli (RG), che intendiamo realizzare con il sostegno delle chiese protestanti di tutta Europa per testimoniare insieme che Lampedusa e la Sicilia non sono i confini estremi dell'Italia ma la frontiera meridionale di un intero continente". Oltre che attività di accoglienza, orientamento e formazione, il Centro di Scicli promuoverà programmi sociali interculturali aperti alla popolazione locale.

"Il seminario del 20 maggio – continua Aquilante – avrà come scopo quello di analizzare la situazione e le politiche di soccorso e di accoglienza”. I lavori, che si svolgeranno nei locali del Centro congressi Cavour a partire dalle ore 9.30, verranno aperti da due interventi dedicati alle nuove migrazioni dal Nord Africa a cura di Alessio Menonna, esponente dell'ISMU (Iniziative e studi sulla multietnicità), e Riccardo Compagnucci, membro del Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del Ministero dell’Interno. La mattinata verrà conclusa dalle relazioni di Franca Di Lecce e Giulia Gori, entrambe del Servizio rifugiati e migranti della FCEI, dedicate alle norme e pratiche di accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo.

Il pomeriggio sarà invece dedicato più espressamente al progetto Mediterranean Hope e si aprirà con un intervento introduttivo di Paolo Naso, a cui seguiranno quelli dell'operatrice multiculturale Bernadette Fraioli e del mediatore culturale Latif Al Saad. La giornata si chiuderà con tre contributi dedicati alla gestione di un centro del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati, affidati a Maria Antonietta Maggio, esponente dell'Arci, Donato di Sanzo, docente all'Università di Salerno e Massimo Gnone della Commissione sinodale per la diaconia. (l.p.)

16 maggio 2014