I link che seguono forniscono la collocazione della pagina attuale nella gerarchia di navigazione.

Redatto un documento con le linee guida per la gestione e la tutela del bene librario delle chiese metodiste e valdesi

Torre Pellice, 16 Maggio 2018

Uno strumento pratico per la gestione e la tutela delle raccolte di libri, riviste, giornali: ecco il documento che l'Ufficio beni culturali della Tavola Valdese mette a disposizione delle chiese e degli istituti metodisti e valdesi.

Il vademecum, intitolato I beni librari e documentari, è una prima risposta a una delle conclusioni programmatiche emerse durante il seminario organizzato dalla Sottocommissione beni culturali, archivi e biblioteche tenutosi il 2 e il 3 aprile 2016 a Firenze. Il seminario voleva essere un primo luogo in cui condividere, tra i rappresentanti delle biblioteche metodiste e valdesi esistenti o in formazione, prospettive di lavoro, problematiche e sfide comuni per la realizzazione di una rete fra le biblioteche. 

Tra le indicazioni emerse durante l’incontro, anche quella relativa all’elaborazione e alla diffusione di linee guida e buone pratiche per la gestione e la tutela del bene librario delle chiese. Il documento, quindi, non è solo rivolto alle biblioteche istituzionalmente riconosciute o “ufficiali”, ma anche alle biblioteche interne, alle raccolte di libri e altro materiale di chiesa, gruppi giovanili e centri culturali, gestiti localmente.

Esso è strutturato in più sezioni: dopo una prima parte dedicata alla definizione di bene librario e ad alcuni concetti base, segue un elenco di raccomandazioni per la prevenzione e la tutela del bene librario. Viene quindi presentato un programma di prevenzione che si ispira al documento I cento passi della prevenzione in biblioteca realizzato dall’Istitutocentrale per la patologia del libro. Il programma prevede una successione di passi da compiere per la tutela del materiale librario, definiti in azioni, che permettono la gestione ordinaria di una collezione o raccolta. Dal documento originale sono stati estrapolati solo ventitré passi, quelli più coerenti con il tipo di materiale presentenelle chiese o biblioteche interessate.

Per saperne di più è possibile contattare Cinzia Claudia Iafrate, bibliotecaria della Facoltà valdese di teologia e componente dell’Ufficio beni culturali della Tavola, referente cui rivolgersi per tutto ciò che riguarda la gestione e la tutela del bene librario presente nelle chiese (retebiblioteche@chiesavaldese.org, tel. 06/3204768).