I link che seguono forniscono la collocazione della pagina attuale nella gerarchia di navigazione.

  • Michea 6, 8

    di Giovanni Anziani

    «O uomo, egli ti ha fatto conoscere ciò che è bene; che altro richiede da te il Signore, se non che tu pratichi la giustizia, che tu ami la misericordia e cammini umilmente con il tuo Dio?»
    Dio è uscito dal tempio e incontra la gravità delle trasgressioni di Israele. Che fare per evitare il giudizio di Dio? Il popolo chiede al profeta quale particolare sacrificio vuole Dio. No, non sacrifici, ma tre atti significativi.

    continua »

  • Matteo 13, 33

    di Giovanni Anziani

    «Il regno dei cieli è simile al lievito che una donna prende e nasconde in tre misure di farina, finché la pasta sia tutta lievitata».
    L’azione di Gesù è presente nel contrasto tra un prima e un dopo, tra un prima piccolo e nascosto, e un dopo grande e manifesto.

    continua »

  • Matteo 10, 38 - 39

    di Eleonora Natoli

    «Chi non prende la sua croce e non viene dietro a me, non è degno di me. Chi avrà trovato la sua vita la perderà; e chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la troverà»
    L’invito alla sequela che ci rivolge Gesù è davvero duro e ci spaventa. Il vero discepolo dev’essere pronto al martirio pur di testimoniare la propria fede? Certamente questo è uno dei significati del testo, ma le parole di Gesù ne contengono anche un altro.

    continua »

  • Malachia 3,16

    di Eleonora Natoli

    «Allora quelli che hanno timore del Signore si sono parlati l’un l’altro; il Signore è stato attento e ha ascoltato.»
    Parola e ascolto: elementi essenziali, anzi sostanza della relazione; dialogo inteso come forma privilegiata di conoscenza e di riconoscimento della dignità e dei doni dell’interlocutore.

    continua »

  • Giobbe 2, 7-9

    di Eleonora Natoli

    «Satana [...] colpì Giobbe di un ulcera maligna [...] Sua moglie gli disse : “Rimani ancora fermo nella tua integrità? Maledici Dio e muori!”»
    E’ davvero la moglie che sta parlando a Giobbe, o non è forse l’ateo che prima o poi fa capolino in tutti noi? Tutti abbiamo avuto l’esperienza del dolore. Restare saldi nella fede quando nella vita tutto comincia a precipitare, è un’impresa

    continua »

Consulta le pagine